India

31 Marzo 2019

In India, anche se avevamo evitato volontariamente un viaggio in India per molti anni,…ma ci sbagliavamo.

Non ci piace forzare le cose, normalmente attendiamo il momento giusto per farle e con l’India è stata la stessa cosa. Per molti anni ci siamo fatti influenzare dai pensieri degli altri, dalla paura delle grandi città, dalle condizioni igieniche, dal cibo speziato e dalla paura di una cultura diversa.
Ma ci sbagliavamo, o forse non era il momento giusto, e alla fine siamo rimasti in India 3 mesi!

Mumbai dalla Moschea Haji Ali.
Ho sempre immaginato Mumbai esattamente come in questa fotografia, ma questa immagine è solo la superficie di questa città. Mumbai è energia allo stato puro generata da oltre 18 milioni di persone che ci vivono.

Templio Indù a Kochi.
Colori, culture e religioni che convivono forzatamente
senza arrabiarsi troppo.

Tra le colline di Kumili in Kerala.
Nuovi amici, nuovi panorami e la sensazione di essere nel posto giusto.

La mucca di Arambol.
…una delle tante che si muovono in città come se fossero
in un pascolo della Valtellina.

Cherai Beach.
La Moschea in riva all’oceano, i pescatori ed il silenzio
di un luogo indimenticabile.

Backwater.
Cosa vorrà questo indiano?
Un po’ di acqua da bere!

Giungla di Madikeri.
3 settimane nella giungla circondati da ragni, serpenti ed elefanti notturni.

Oceano Indiano.
Ultimo giorno in India prima del lungo viaggio verso la Valtellina,
dove gli occhi di un cervo che ci accoglie vicino a casa in piena notte ci ricorderanno tutto il silenzio e la “spiritualità” che molti vanno ri-cercando in India, ma che noi abbiamo già trovato tra queste montagne.

Sere